Ultimi articoli pubblicati


  • Home
  • Odontoiatria
  • Bruxismo (digrignare i denti): rimedi, cause sintomi, conseguenze

Bruxismo (digrignare i denti): rimedi, cause sintomi, conseguenze

digrignare denti

Il dentista è in grado di accorgersene già dalla prima visita di controllo per via della presenza di usura e abrasioni sulla superficie dentale causati dal digrignamento dei denti, parliamo di bruxismo, una condizione che si presenta frequentemente negli adulti ma anche nei bambini.

Il termine bruxismo deriva dal greco e vuol dire, per l’appunto, digrignare i denti, questa attività a lungo andare può danneggiare sia i denti che i muscoli facciali, si tratta di un comportamento involontario che si presenta durante la fase REM del sonno.

Non essendo una vera e propria patologia è difficile capire se il paziente che presenta segni di usura della superficie dentale ha sofferto di bruxismo in passato oppure ne sta soffrendo in quel periodo. Per accertarsene è possibile chiedere alla persona che dorme al vostro fianco, se invece siete da soli, potete provare a registrarvi durante la notte, ma in caso di mancanza di rumore nel digrignare non vuol dire che non si soffre di bruxismo, per cui è importante saper riconoscere i sintomi che solitamente si presentano al mattino, tra cui mal di testa, dolore nell’area cervicale e mascellare.

bruxismo digrignare denti

Cause e sintomi del bruxismo

Oggi non esiste una spiegazione univoca e condivisa da tutti del fenomeno del bruxismo, all’origine del digrignare i denti involontariamente sembrerebbe ci siano cause sia anatomiche che di natura nervosa.

Questo vuol dire che probabilmente una causa è da ricercare nella particolare conformazione delle arcate dentarie che potrebbero essere responsabili del fenomeno e negli effetti di ansia e stress sul sistema nervoso.

Cause principali

Anche se non è stata individuata una causa certa che scatena il bruxismo, ce ne sono alcune che sono facilmente associabili a questa problematica, tra queste ricordiamo i difetti di occlusione dentale, la postura errata, i disturbi del sonno, dolori legati ai denti e alla crescita della mandibola, l’uso di depressivi e disfunzioni del sistema nervoso centrale.

Le cause neurologiche sono da ricercare negli stati d’ansia, stress, nella tensione psicologica, nell’aggressività e la frustrazione e la rabbia.

Sintomi principali del bruxismo

  • Difficoltà a deglutire
  • Dolore alle orecchie
  • Dolore e difficoltà ad aprire la bocca
  • Mal di testa
  • Dolore al collo e alla colonna cervicale

Conseguenze del bruxismo

Il bruxismo può essere rilevato da un dentista osservando l’usura dentale, poiché lo smalto naturale dei denti non si rigenera fisiologicamente, per cui il danneggiamento della dentina è irreversibile.

Se non trattato, il digrignamento dei denti può causare delle microfratture anche a livello di impianti, otturazioni e ricostruzioni già effettuate nel corso del tempo, mentre nei casi più gravi, il bruxismo è in grado di compromettere le mandibole e le sue normali funzionalità.

Inoltre, ha conseguenze anche sul sonno, il mal di testa, il dolore muscolare e l’ipersensibilità provocate dal riposare male danno una sensazione di malessere generalizzato che ha delle ripercussioni sulle normali attività della vita quotidiana.

Per questi motivi è importantissimo recarsi dal proprio odontoiatra di fiducia se si ha il dubbio di poter soffrire di questo disturbo, in modo da intervenire in tempo per evitare ulteriori danni.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Viaggideldente.it in Croazia, Albania, Ungheria, Romania, Moldavia, Russia