Ultimi articoli pubblicati


  • Home
  • crisi dentisti
  • Aumentano i dentisti, diminuiscono i pazienti – I segreti del Turismo Dentale

Aumentano i dentisti, diminuiscono i pazienti – I segreti del Turismo Dentale

studi dentistici croazia viaggi del dente
Condividi sui Social
Follow by Email
Twitter
Visit Us
YouTube
viaggi dentista croazia albania

 

Settantotto dentisti ogni 100.000 abitanti, mille i nuovi dentisti iscritti ogni anno all’Albo professionale che conta più di 60.000 professionisti, cinque milioni gli italiani che negli ultimi anni hanno rinunciato alle cure dentistiche per problemi economici. Quelli che ti stiamo dando non sono soltanto semplici numeri ma rappresentano l’istantanea che fotografa una situazione anomala. Nel nostro Paese diminuiscono i pazienti ma aumentano in modo esponenziale i dentisti. Le anomalie di questo settore però non finiscono qui. Nel corso degli anni infatti il “mestiere” del dentista è riuscito a rivestire il ruolo sia di una professione ambita tra i giovani, ma anche di un mestiere per “anziani”, se consideri che il 55% degli iscritti all’Albo hanno più di 55 anni e ben 11mila dentisti hanno più di 63 anni. Una recente indagine condotta da Quaeris ha evidenziato un altro dato significativo. I più anziani non intendono ritirarsi dal proprio studio, ma hanno intenzione di continuare a lavorare.

 

Se volessimo riassumere questi dati con una formula cara agli economisti potremo dire che aumenta l’offerta di studi dentistici ma diminuisce la domanda di cure dentistiche. Del resto c’era da aspettarselo. Il paziente non è più una persona con un problema sanitario, ma è diventato a tutti gli effetti una cartellina, una pratica da sbrigare sulla scrivania del dentista/manager. Se all’inizio tale processo era invisibile e sotterraneo, oggi il cittadino ne è più che consapevole e, spinto dalla necessità di risparmiare, ha cercato nuove strade che gli permettono sia di ritrovare la salute dei denti sia di non richiedere finanziamenti che sembrano mutui trentennali.

studi dentistici croazia viaggi del dente

Il mestiere del dentista

Uno dei dati che colpisce di più è l’aumento sostanzioso delle giovani leve. Perché un ragazzo sceglie una professione che negli ultimi anni ha visto disgregarsi privilegi e guadagni? Certamente il mestiere del dentista può ancora essere considerato uno status o una garanzia di una vita ricca e soddisfacente, ma sono ormai pochi i giovani che credono ancora a questa fantomatica quanto ormai inattuale Eldorado. La maggior parte degli studenti non ha più a disposizione lo studio dentistico di famiglia. Sono semplicemente ragazzi che credono in un mestiere e che dopo la laurea inizieranno a fare la spola per cercare un punto d’appoggio per accumulare l’esperienza necessaria e i fondi per aprire un piccolo studio.

 

Pura chimera? Purtroppo sì. La maggior parte di questi ragazzi finisce per fare la spola tra una serie di studi dentistici dalle Alpi a Palermo. Lavorano per sei mesi in una catena odontoiatrica low cost, per i restanti sei mesi in un’altra e così via. È il popolo delle partite IVA e delle collaborazioni. I giovani che sperano in un affiancamento in uno studio dentistico già avviato e con un titolare in aria di pensione rimangono delusi, come hanno evidenziato i dati riportati all’inizio. I dentisti della vecchia guardia tendono a non prendere più tirocinanti e si tengono ben stretto il loro studio. E in tutto questo il paziente? E’ un numero in fondo a una lista dove profitto e vendita vengono prima.

migliori dentisti in albania viaggi del dente

Studiare odontoiatria nei Paesi dell’Est

Per sfuggire a questa realtà che non prevede sbocchi lavorativi immediati, molto giovani vanno a studiare odontoiatria nei Paesi dell’Est. Il problema è che, una volta tornati in Italia, queste nuove leve non sanno dove andare o cosa fare. Secondo gli esperti, nel 2018 aprire uno studio nel nostro Paese costa all’incirca 500.000 euro, una cifra spropositata per un neo-laureato. Non gli rimane altro che lavorare nelle catene dentali low cost per 9 euro all’ora, oppure fare di nuovo le valigie e partire per l’estero. Non solo, nel nostro Paese non ci sono i soldi per la ricerca e i corsi di formazione. O li paghi, e parliamo di cifre che vanno dai ventimila ai trentamila euro, oppure te ne vai.

migliori studi dentistici in croazia viaggi del dente

Crollo dell’odontoiatria privata

Di fronte a una situazione così inaspettata viene da chiedersi quali siano le conseguenze dirette sul mercato. Da una parte abbiamo assistito al crollo dell’odontoiatria privata. Il dentista rimane attaccato alla poltrona ma è proprio quella poltrona vuota a determinare la crisi del settore. Dall’altra le catene low cost, grazie a una politica manageriale fatta di negozi su strada, prestazioni a prezzi stracciati e pubblicità degne di un brand di moda piuttosto che sanitario, hanno contribuito ad accelerare le perdite in termini di fatturato da parte dei dentisti.

Ultimo step e anche il più preoccupante l’abusivismo. Il progressivo distacco tra paziente e dentista ha creato un vuoto. E quello stesso vuoto, di fronte alla mancanza di una risposta concreta e sostanziale della vecchia guardia, ha determinato la nascita di pseudo dottori che esercitano la professione senza averne titolo. Spesso sono i giovani dentisti a fare, alcune volte inconsapevolmente, da prestanome. Il danno è ingente e non solo per la salute del paziente. Secondo le ultime stime in Italia ci sono all’incirca 10 mila falsi dentisti per una perdita complessiva da parte dell’erario di 75 milioni di euro.

Esiste una ricetta per superare questa crisi dettata dal forte squilibrio tra domanda e offerta? Certo, basterebbe ripopolare gli studi privati e offrire ai giovani la possibilità di subentrare ai colleghi più anziani. Questa soluzione dovrebbe essere preceduta da una revisione totale di comportamenti, prezzi e aspettative da parte della lobby dei dentisti. Ma questo, allo stato attuale delle cose, sembra un traguardo ormai irraggiungibile.

 

Leggi “Come risparmiare sulle Cure Dentistiche”, il Primo Capitolo del libro “Come risparmiare sulle cure dentistiche. I Segreti del Turismo dentale” di Viaggideldente.it

Leggi “La Lobby Dentale”, il Secondo Capitolo del libro “Come risparmiare sulle cure dentistiche. I Segreti del Turismo dentale” di Viaggideldente.it

Leggi “Dentisti Low Cost in Italia”, il Terzo Capitolo del libro “Come risparmiare sulle cure dentistiche. I Segreti del Turismo dentale” di Viaggideldente.it

Leggi “I Veri Costi di uno Studio Dentistico in Italia”, il Quarto Capitolo del libro “Come risparmiare sulle cure dentistiche. I Segreti del Turismo dentale” di Viaggideldente.it

Leggi “Studi dentistici che aprono e chiudono”, il Quinto Capitolo del libro “Come risparmiare sulle cure dentistiche. I Segreti del Turismo dentale” di Viaggideldente.it

Leggi “Aumentano i dentisti, diminuiscono i pazienti”, il Sesto Capitolo del libro “Come risparmiare sulle cure dentistiche. I Segreti del Turismo dentale” di Viaggideldente.it

Leggi “Andare dal dentistia? E’ come andare al supermercato”, il Settomo Capitolo del libro “Come risparmiare sulle cure dentistiche. I Segreti del Turismo dentale” di Viaggideldente.it

© 2021 “Come risparmiare sulle cure dentistiche. I Segreti del Turismo dentale” di Viaggideldente.it

www.comerisparmiaresullecuredentistiche.it

Condividi sui Social
Follow by Email
Twitter
Visit Us
YouTube

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Viaggideldente.it in Croazia, Albania, Ungheria, Romania, Moldavia, Russia